vetrina

I Pupi di Surfaro

I Pupi di Surfaro nascono nel 2006, con l’idea di dare vita ad uno spettacolo di natura popolare nel quale vengono a mescolarsi diversi tipi di arte: musica, teatro e poesia. Vengono apprezzati nelle diverse piazze siciliane, tra gli altri, nel 2009 partecipano al Med Fest di Buccheri (SR) e si esibiscono al Teatro Golden di Palermo; nel 2010 partecipano all XI Festival della nuova Canzone siciliana, producono lo spettacolo “In vino veritas, l’arte di reggere bene il vino e di non poter soffrire la falsità” e avviano la collaborazione con i Modena City Ramblers, che li porterà ad aprire i loro concerti in Sicilia. In questi anni suonano sui palchi del Taranta Sicily Fest, Forum Antimafia di Cinisi, Maggio Sermonetano, Basula Fest, Carovana Antimafia, MedFest, alternandosi ad Artisti del calibro dei Modena City Ramblers, Alessandro Mannarino, Alfio Antico, Mario Incudine, Casa del Vento, Mario Venuti.

Nel 2013 partecipano al Concorso nazionale Musicultura giungendo all’ambita fase Audizioni live 2013, classificandosi in semifinale; partecipano al contest Musica Contro le Mafie 2013, primi in classifica centro/sud. e vincono la finale a Cosenza con il brano presentato: “ Cantu d’amuri ” , una serenata d’amore alla Sicilia, “bedda chi cu la vidi si nnammura”, ai siciliani onesti che sdegnano quotidianamente il malaffare e combattono la mafia “cu vuci grossa e cu tammuri”, ispirandosi a Peppino Impastato. Il brano rientra nel più ampio progetto “Sutta Terra, Terra di Sutta”, gente affamata di pane e di zolfo, di serenate d’amore, amore per la propria amata e la propria terra, con ironia e sdegno verso malcostume e povertà. Figli dei minatori di zolfo, i cui padri per campare hanno scavato tutta la vita, hanno vissuto sotto terra; è la gente del Sud. Il disco "Suttaterra" vede la luce nella primavera del 2014 sotto la guida del produttore artistico Daniele Grasso (che in passato ha lavorato con Pan del Diavolo, Afterhours, Cesare Basile) per l etichetta catanese Dcave, e viene presentato con un tour nazionale che da aprile a ottobre li vede impegnati in tutto lo stivale, dalla Sicilia alla Liguria, passando per Milano, con date in Toscana e Umbria, culminando con tre concerti in Salento tra cui il Festival dello Scorpione di Taranto che li vede esibirsi davanti a 10.000 spettatori. A fine anno "Suttaterra" è fra i candidati al Premio Tenco nella categoria "opera dialettale".

Il 2015 vede la presentazione del secondo videoclip ufficiale della "Nicusiota", un remake del brano presente in "Suttaterra" che coinvolge tutto lo spettacolo che rivisto e adattato alla nuova formazione viene presentato nel "Back U tour" che li vede nuovamente di scena tra Liguria, Lombardia e Toscana, con spettacoli travolgenti che dopo il primo anno di rodaggio porta ad alcuni sold-out in club e teatri in tutta Italia. In estate il tour prosegue in Sicilia culminando con due concerti a EXPO Milano presso il cluster bio-mediterraneo.

A inizio 2016 comincia la lavorazione del nuovo singolo in uscita in primavera che sarà incluso nel nuovo disco (uscita prevista settembre), ancora una volta con la produzione artistica di Daniele Grasso per Dcave records. 

  • < indietro